Protech

Logo Protech vett registered

Blog ufficiale

Spunti, idee e novità per i professionisti
della sabbiatura

Articoli

Non tutte le sabbiatrici sono predisposte per il recupero dell’abrasivo che utilizzano. Esistono infatti delle sabbiatrici che sono progettate semplicemente per utilizzare gli inerti o l’abrasivo sulle superfici ma non per recuperarli alla fine del trattamento.

Si chiamano sabbiatrici a getto libero, e possono essere la scelta giusta per diversi tipi di applicazioni.

Come è fatta una sabbiatrice a getto libero

Questo tipo di macchinario è composto da un serbatoio   a cui si collega un tubo per il trasporto dell’abrasivo. Il tubo termina con un ugello di sabbiatura da cui si fa fuoriuscire l’abrasivo. Oltre a questi elementi essenziali, le sabbiatrici a getto libero sono dotate di sistemi di sicurezza e di controllo.

I modelli professionali, sia pneumatici che elettrici, possono disporre di uno o più sistemi di comando da remoto: grazie a questi è possibile per l’operatore gestire le valvole montate sul serbatoio e regolare i flussi di abrasivo a seconda dell’operazione che si vuole compiere. Ad esempio, con un doppio comando a distanza è possibile avviare e arrestare il funzionamento della sabbiatrice, ma anche sbloccare l’abrasivo quando non riesce a fuoriuscire a causa della condensa.

E ci sono anche modelli ancora più performanti, in grado di mantenere costante la regolazione impostata per la fuoriuscita dell’abrasivo e di evitare in questo modo l’intasamento iniziale che si verifica nel tubo all’avvio dell’utilizzo, oltre che di essere utilizzate con la funzionalità di soffiaggio per pulire con la sola aria le superfici prima o dopo il trattamento con l’abrasivo.

Esistono inoltre dei kit per il comando a distanza che possono essere integrati sulle sabbiatrici compatibili in un secondo momento, per controllare da un punto più lontano anche i modelli che normalmente non avrebbero questa funzionalità.

Non tutte le sabbiatrici a getto libero sono fatte allo stesso modo. Le soluzioni Protech, infatti, hanno il fondo superiore rovesciato all’interno, accorgimento che consente di sfruttare appieno la capacità del serbatoio. Con questa particolare conformazione del macchinario si evita l’uso della tramoggia, e a pari capacità il piano di carico risulta più basso, quindi più comodo da caricare con l’abrasivo.

Come funziona una sabbiatrice a getto libero e quando va utilizzata

Anche il funzionamento della sabbiatrice a getto libero è semplice: basta collegarla a un compressore e manovrando il tubo è possibile rivolgere il getto di abrasivo sulla superficie che si vuole trattare.

Questa tipologia di sabbiatrici è appunto progettata per le situazioni in cui il recupero dell’abrasivo non è pratico o non è necessario e in cui si vuole agire con velocità.

Le applicazioni comuni delle sabbiatrici a getto libero quindi includono:

– la pulizia di grandi superfici metalliche

– la preparazione per la verniciatura industriale

– la rimozione di ruggine da strutture metalliche.

Gli abrasivi più indicati in questi casi includono bicarbonato di sodio, tutolo di mais o abrasivi naturali non contenenti silicio.

Dal momento che l’abrasivo non viene recuperato ma resta nell’aria assieme alle particelle di sporco, ruggine o altro rimosse dalle superfici, quando si usa una sabbiatrice a getto libero è essenziale dotarsi dei Dispositivi di Protezione Individuale adeguati.

Come per tutte le altre sabbiatrici, prima di avviare il macchinario è sempre fondamentale controllare che l’ugello non sia ostruito, che il macchinario sia posto in una posizione stabile e sicura, che la pressione sia adeguatamente regolata e che le manutenzioni e i controlli periodici siano stati regolarmente eseguiti.

A cosa fare attenzione per scegliere la giusta sabbiatrice a getto libero

Ecco alcuni punti che devi tenere a mente se stai valutando l’acquisto di una sabbiatrice a getto libero:

  • Sei certo di non dover recuperare l’abrasivo? In caso, è meglio optare per un modello a recupero.
  • Sai già quale abrasivo utilizzerai? Non tutte le sabbiatrici a getto libero sono progettate per essere utilizzate con qualunque tipo di abrasivo.
  • Sai già quali sono le superfici che dovrai sabbiare? Se devi rimuovere contaminazioni, corrosioni, calamina o altri materiali, ti servirà una sabbiatrice in grado di usare specifici tipi di graniglia, abrasivo o inerte.
  • Hai un budget ridotto? Le sabbiatrici a getto libero possono essere più economiche di quelle a recupero, ma valuta attentamente l’uso che ne devi fare perché devi considerare di dover acquistare sempre del nuovo abrasivo.

Le sabbiatrici a getto libero possono garantire ottimi risultati. L’essenziale è scegliere modelli realizzati con materiali di prima qualità e che assicurano la possibilità di acquistare facilmente i ricambi e gli abrasivi compatibili.

Ovviamente però quando si vuole un risultato professionale è necessario dotarsi di un macchinario performante, oppure non si lavorerà in modo efficiente.

Qual è la sabbiatrice che fa davvero al caso tuo?

Le variabili da tenere in considerazione per la scelta sono tante e spesso estremamente tecniche. Per questo è meglio chiedere il consiglio di un esperto, come noi di Protech.

Con la nostra esperienza nella progettazione e produzione di sabbiatrici e impianti di sabbiatura, siamo perfettamente in grado di selezionare il modello che fa per te, fornendoti in più tutti gli accessori di cui avrai bisogno.

Inoltre, solo le sabbiatrici Protech ti offrono Blasting PRO System, un pacchetto di garanzie studiato apposta per i professionisti che include nel prezzo del macchinario una selezione di servizi e vantaggi importantissimi.

Vuoi saperne di più?

Riportare la facciata di un edificio al suo antico splendore, soprattutto nel caso di edifici storici, è un compito complesso che richiede diversi passaggi. In Italia, dove i centri delle città sono un susseguirsi continuo di palazzi dalla lunga storia e dal volto inconfondibile, sicuramente il restauro è una pratica importante oltre che diffusa.

Le sabbiatrici sono uno degli strumenti principali che vengono utilizzati dalle imprese che si occupano di restauro delle facciate. Questo perché il primo passaggio, essenziale in questa pratica, è la pulizia della superficie, che deve essere preparata a dovere per le lavorazioni successive.

Ma non basta una sabbiatrice qualunque per assicurarsi un risultato eccellente. Ecco a cosa devi fare attenzione se non vuoi rischiare di danneggiare irreparabilmente le superfici che dovresti restaurare.

Perché la sabbiatura è essenziale nel restauro

La sabbiatura è un processo di pulizia approfondita grazie all’uso di particelle abrasive, che vengono “sparate” ad alta velocità contro la superficie da pulire. Questo metodo è estremamente efficace per rimuovere contaminanti senza danneggiare la struttura sottostante.

Ad esempio, le facciate rivolte verso vie cittadine trafficate, soprattutto se realizzate con materiali porosi, assorbono lo smog in profondità e si anneriscono. Non basta una semplice pulizia per eliminare tutte le particelle di sporco che si sono saldate negli anni all’intonaco o al calcestruzzo.

Nel caso del restauro delle facciate degli edifici, la sabbiatura è particolarmente utile per rimuovere:

  • vecchi strati di pittura
  • vernice
  • sporco atmosferico accumulato nel tempo
  • muffe, alghe, batteri
  • smog
  • segni di degrado, come ad esempio graffiti realizzati con spray o pittura.

La sabbiatura è un processo propedeutico nel restauro, perché prepara la superficie per nuovi trattamenti protettivi o per il recupero di dettagli architettonici che potrebbero essere stati oscurati da anni di esposizione agli agenti atmosferici e all’incuria dei passanti.

È anche un passaggio fondamentale perché assicura che i nuovi rivestimenti e intonaci che vengono applicati durino più a lungo. E consente se si vuole di dare un aspetto diverso all’edificio, perché permette di realizzare effetti specifici sulla superficie dei muri.

Scelta della sabbiatrice per il restauro delle facciate

Quando si seleziona una sabbiatrice da utilizzare per il restauro delle facciate, è fondamentale considerare diversi fattori.

In primo luogo la natura del materiale della facciata: per materiali più delicati o antichi, potrebbe essere preferibile utilizzare una sabbiatrice a bassa pressione per evitare danni.

Attenzione, poi, alla presenza di piombo o amianto sulle superfici da sabbiare. In questo caso è essenziale scegliere un modello che riduca la quantità di polvere generata dalla sabbiatura, come ad esempio una sabbiatrice a umido o aeroidrosabbiatrice.

Inoltre, per sabbiare le facciate di edifici di particolare valore o importanza, si possono scegliere delle macchine equipaggiate con accessori realizzati proprio per questo scopo, che consentono l’utilizzo di inerti finissimi. Alcuni modelli sono inoltre dotati di chiusura manuale del serbatoio, che permette di lavorare anche a pressioni di 0.1 bar, o dispongono di kit per aeroidrosabbiatura.

Attenzione all’abrasivo

Una volta identificata la sabbiatrice giusta da utilizzare per sabbiare le facciate di un edificio da restaurare, si deve scegliere con molta attenzione anche l’abrasivo più indicato.

Soprattutto se sulla facciata sono presenti decori o se è una combinazione di materiali diversi, non è possibile utilizzare un’unica tipologia di abrasivo.

Per fare qualche esempio:

  • se si deve eliminare uno strato di vernice indurita o di ruggine e rendere liscia una superficie, si può optare per un abrasivo naturale come il garnet
  • se la facciata da pulire è particolarmente delicata si deve scegliere un abrasivo molto più “gentile”, come il bicarbonato di sodio, o anche materiali biodegradabili come gusci di noce o tutolo di mais, che ridurranno il rischio di antiestetici graffi.

In generale, la sabbiatura è un processo che va attentamente personalizzato ogni volta che deve essere eseguito. Un errore nella scelta della pressione applicata o dell’abrasivo può letteralmente distruggere una facciata da restaurare e i suoi elementi decorativi.

Per metterti al riparo da questo rischio, è essenziale che tu ti affidi a degli esperti che sappiano darti i consigli migliori per la tua sabbiatura. Noi di Protech possiamo rispondere a tutte le tue domande su attrezzature, applicazioni, materiali da utilizzare.

Questo perché da oltre quarant’anni siamo esperti nella progettazione e produzione di sabbiatrici e impianti di sabbiatura in grado di esaudire tutte le esigenze dei nostri partner in tutto il mondo. Forniamo anche tutti gli accessori necessari, dai ricambi agli abrasivi.

Grazie alla nostra esperienza, abbiamo elaborato un sistema di garanzie che massimizzano l’efficienza delle nostre soluzioni: solo le sabbiatrici Protech ti offrono infatti Blasting PRO System, una selezione di servizi e vantaggi importantissimi inclusi nel prezzo del macchinario. E sugli impianti di sabbiatura siamo gli unici ad offrire due anni di garanzia!

Vuoi saperne di più?

Hai scelto l’abrasivo corretto, hai una sabbiatrice di ultima generazione super performante, a manovrarla c’è un operatore esperto. Sembra tutto ok, ma poi al termine del lavoro ti accorgi che le cose non sono andate come ti aspettavi, e che probabilmente è tutto da rifare.

Cos’è successo? Sicuramente hai tralasciato qualche dettaglio importante nella valutazione del lavoro.

Succede purtroppo anche ai professionisti: basta una piccola disattenzione, e quella che doveva essere solo una semplice sabbiatura su una superficie si trasforma in un incubo.

La sabbiatura è un processo sicuro, ma a patto di venire eseguita con la massima attenzione a tante variabili diverse. Oppure si va incontro a danni irreparabili sulle superfici, macchinari che si guastano, clienti scontenti o, nel peggiore dei casi, incidenti che coinvolgono gli operatori.

Anche il tecnico più esperto prima di azionare la sabbiatrice deve sempre farsi le cinque domande qui di seguito. E solo dopo aver dato una risposta positiva a tutte può avviare la macchina e procedere al lavoro, con la sicurezza che riuscirà nel migliore dei modi.

Cinque domande che devi sempre farti prima di avviare la tua sabbiatrice

1) Hai protetto adeguatamente le aree circostanti?

Se non stai lavorando con una sabbiatrice a recupero oppure all’interno di un impianto di sabbiatura, devi studiare con attenzione l’ambiente in cui ti trovi e valutare come proteggerlo al meglio.

Utilizzando una sabbiatrice a getto libero potresti infatti macchiare o graffiare le superfici vicine a quelle che stai sabbiando, con il risultato di scontentare i tuoi clienti.

Bisogna inoltre prestare attenzione alle polveri che si disperdono nell’ambiente, per questo è importante utilizzare degli abbattitori polveri trasportabili o sistemi di abbattimento polveri come gli umidificatori Nebula.

2) Hai regolato la pressione in modo corretto?

Se per caso dovessi usarne una troppo bassa il problema sarebbe minimo, perché molto probabilmente non riusciresti a rimuovere lo sporco dalla superficie. Ma se per caso fai lo sbaglio opposto, cioè utilizzi una pressione troppo alta, rischi addirittura di distruggere quello che stai sabbiando.

Ad esempio, se stai sabbiando un oggetto o una parete antichi da restaurare, un semplice errore nella regolazione della pressione o della quantità di abrasivo potrebbe causare danni irreparabili. Meglio quindi controllare una volta in più e lavorare sul sicuro.

3) Stai lavorando nelle migliori condizioni atmosferiche?

Magari hai fissato una data precisa per sabbiare una parete esterna di un edificio, e poi quel giorno ti ritrovi sotto una pioggia battente o con un’altissima umidità dell’aria. Purtroppo sarà necessario riprogrammare questo impegno, perché un’umidità eccessiva rischia di compromettere pesantemente il risultato della tua sabbiatura.

Se pensi che, nel caso la sabbiatura risultasse meno efficace, sia possibile concentrarsi più a lungo su ogni parte della superficie, sappi che non è così. Sovraesporre un’area alla sabbiatura può causare danni e inestetismi che richiederanno altro tempo e altro lavoro per essere sistemati.

4) L’angolazione che hai scelto per il getto è quella giusta?

Attenzione alla direzione con la quale l’abrasivo va a colpire la superficie, perché se la sbagli puoi scalfire in modo irrimediabile quello che stai sabbiando. Anche in questo caso, il rischio minimo che corri è di dover rifare il lavoro, mentre il massimo è di asportare parti della superficie che non vanno asportate.

Le sabbiatrici di alta gamma sono pensate per essere usate con la massima facilità, ma comunque non puoi mai abbassare il tuo livello di attenzione quando esegui una sabbiatura.

5) Indossi tutti i dispositivi di protezione personale?

In alcuni casi, oltre ai guanti, alla tuta e alle calzature antinfortunistiche, può bastare indossare una maschera con schermo antisolvente. Ma per sabbiature più “estreme” devi portare un cappuccio completo o addirittura un casco rigido antiurto, con un tubo allacciato alla rete di aria compressa che dovrà essere adeguatamente trattata.

Non sottovalutare mai il tuo equipaggiamento di sicurezza, perché mentre stai sabbiando basta una disattenzione minima per andare incontro a guai seri. I tuoi dispositivi devono sempre essere certificati, aggiornati in base alle normative di legge e in perfette condizioni. Soprattutto se devi sabbiare una superficie contaminata da sostanze pericolose, occhi e vie respiratorie devono essere protetti al meglio.

Perché è essenziale farsi queste cinque domande prima di iniziare a sabbiare una superficie? Per evitare in primo luogo di farsi male, ma anche per non sprecare energia, abrasivo e tempo, rischiando magari di danneggiare sia la superficie che la macchina stessa.

Utilizzare una sabbiatrice in modo improprio infatti aumenta il rischio di un fermo macchina, che comporta uno stop alla tua operatività e ritardi a catena sui tuoi impegni e sulle lavorazioni.

Per non rischiare di lavorare male, mantieni sempre alta la tua attenzione e scegli una sabbiatrice in grado di offrirti la personalizzazione, l’efficienza e le garanzie che mettono il tuo lavoro al sicuro.

Solo le sabbiatrici Protech ti offrono Blasting PRO System, una selezione di servizi e vantaggi importantissimi inclusi nel prezzo del macchinario. E sugli impianti di sabbiatura siamo gli unici ad offrire due anni di garanzia.

Vuoi saperne di più?

La sabbiatura è un processo che può essere “stressante” per i macchinari: il loro uso prolungato li sottopone, come è ovvio, a un’usura continua, dovuta principalmente all’azione dell’abrasivo ma non solo.

Quando però si sceglie di acquistare una sabbiatrice o un impianto di sabbiatura professionale, magari anche customizzati per offrire esattamente le prestazioni che si desiderano, è fondamentale cercare di proteggere al meglio il proprio investimento e far durare gli impianti più a lungo possibile, assicurandosi di mantenere sempre elevate le loro performance.

È possibile allungare la vita della tua sabbiatrice o del tuo impianto di sabbiatura? Certamente, seguendo alcuni importanti accorgimenti nel suo uso quotidiano.

Forma il personale

La prima regola per mantenere “in salute” un macchinario è utilizzarlo come si deve. Purtroppo non tutti fanno attenzione a questa norma aurea, e non formano adeguatamente il personale deputato all’utilizzo della sabbiatrice. Con il risultato che in azienda si diffondono abitudini sbagliate, che possono far invecchiare le macchine prima del tempo.

Soprattutto se ti sei dotato di un nuovo modello con nuove funzionalità o ancora più performante del precedente, è bene che chi si occupa di utilizzarlo sappia perfettamente quello che deve e che non deve fare, oppure si rischia di accelerare involontariamente l’usura della sabbiatrice.

Ecco alcuni errori comuni che possono danneggiare la sabbiatrice:

  • alimentare la sabbiatrice con aria umida o non trattata;
  • sovraccaricare la sabbiatrice o l’impianto di abrasivo;
  • utilizzare abrasivi inappropriati;
  • non effettuare l’ordinaria manutenzione richiesta.

Assicurati quindi sempre che il tuo personale conosca a fondo la sabbiatrice e non ne faccia un uso improprio. Manterrà la macchina in ottime condizioni più a lungo e aumenterà significativamente la sicurezza del tuo ambiente di lavoro.

Proteggi la sabbiatrice e il tuo impianto di sabbiatura

Per prolungare la loro durata, è consigliabile effettuare una pulizia accurata della sabbiatrice dopo ogni utilizzo, rimuovendo eventuali residui di sabbia e polvere all’interno e all’esterno della macchina, che potrebbero comprometterne il corretto funzionamento. Va fatta particolare attenzione ai sistemi di raccolta dell’abrasivo e ai filtri dell’aria, perché una loro scarsa pulizia può portare a un funzionamento inefficiente della sabbiatrice e all’accumulo di detriti che possono danneggiare i componenti interni.

Assicurati poi di proteggere correttamente la sabbiatrice quando non viene utilizzata, difendendola dagli agenti atmosferici, dall’umidità e dalla polvere. Coprila e mantienila in un ambiente che non faciliti la formazione di ruggine. Inoltre assicurati che le componenti siano adeguatamente sottoposte a verifica, anche quando non devi usare la sabbiatrice in tempi brevi.

Non dimenticare la manutenzione

Non attendere che ci sia un guasto prima di far controllare la tua sabbiatrice, ma rispetta sempre gli appuntamenti per la sua manutenzione programmata.

Anche se la tua macchina è nuova, non sottovalutare l’importanza dei check-up: ricorda sempre che è un’attrezzatura sottoposta a sollecitazioni importanti, che quindi necessita di particolari attenzioni per funzionare sempre al suo meglio.

Non effettuare la manutenzione preventiva e non sostituire le parti soggette ad usura, come gli ugelli, i tubi o le guarnizioni, può infatti causare malfunzionamenti dell’attrezzatura e danni anche irreparabili.

Ricorda inoltre di ispezionare periodicamente il sistema di controllo elettrico o pneumatico, verificando la presenza di eventuali criticità.

Seguendo queste semplici linee guida, potrai garantire una lunga durata alla tua sabbiatrice e al tuo impianto di sabbiatura, mantenendoli efficienti nel tempo, assicurandoti che non consumi più di quanto dovrebbe e che non comprometta la sicurezza dei tuoi ambienti con un’eccessiva produzione di polveri e detriti pericolosi.

Scegli di acquistare da un produttore

Quando acquisti la tua sabbiatrice da un’azienda che l’ha progettata e realizzata sei certo di avere accesso a un’assistenza più qualificata e pronta ad intervenire in caso di bisogno. Questo significa che avrai sempre delle risposte puntuali e precise alle tue domande, senza inutili giri di telefonate in cui vieni fatto rimbalzare da un’assistenza clienti all’altra e nessuno conosce a fondo la tua macchina.

Se decidi di dotarti di una sabbiatrice custom, rivolgerti direttamente al produttore ti permette di tutelare il tuo investimento anche dopo anni dall’acquisto: puoi infatti valutare la possibilità di un revamping per riportare al top le prestazioni della tua macchina, prolungando ulteriormente la sua vita.

Un partner esperto nella progettazione e nella realizzazione di sabbiatrici e impianti di sabbiatura è in grado di offrirti tutto quello che ti serve non solo per avere la macchina migliore per il tuo lavoro ma anche per farla durare a lungo. Noi di Protech siamo esattamente quel tipo di partner.

Siamo da oltre quarant’anni esperti nella progettazione e produzione di sabbiatrici e impianti di sabbiatura in grado di esaudire tutte le esigenze dei nostri partner in tutto il mondo. Inoltre diamo la massima importanza alle garanzie che massimizzano l’efficienza delle nostre soluzioni: solo le sabbiatrici e gli impianti di sabbiatura Protech ti offrono infatti Blasting PRO System, una selezione di servizi e vantaggi importantissimi inclusi nel prezzo del macchinario, che ti permetteranno anche di utilizzarlo al meglio delle sue possibilità e di mantenerlo “in salute” più a lungo. E sugli impianti di sabbiatura siamo gli unici ad offrire due anni di garanzia!

Dotarti della giusta soluzione per la sabbiatura e la pallinatura può essere una scelta strategica per il tuo lavoro? Assolutamente sì.

Quando scegli un macchinario di questo tipo, infatti, ti trovi normalmente di fronte a un bivio: acquistare una soluzione standard, in grado di garantirti un livello di lavorazione decoroso ma senza grosse pretese, oppure optare per una sabbiatrice customizzata e quindi pensata per portare al massimo livello le tue potenzialità.

Nel momento in cui prendi questa scelta, stai decidendo se il processo di sabbiatura è centrale nel tuo lavoro e se vuoi essere riconosciuto tra i competitor per la qualità del tuo servizio, oppure se vuoi semplicemente poter esaudire le richieste di qualche cliente che magari si affida a te anche per altri tipi di lavorazione.

Perché dotarti di una sabbiatrice custom è la scelta migliore che puoi prendere per il tuo lavoro? Non devi pensare che una sabbiatrice taylor made sia semplicemente un’attrezzatura in grado di trattare superfici uniche, irregolari o complesse: si tratta di un macchinario pensato specificamente per ottimizzare le tue prestazioni, in base agli spazi che hai a disposizione e alle lavorazioni che devi eseguire.

Ecco alcuni dei vantaggi che puoi assicurarti con una sabbiatrice custom.

Riduce la possibilità di avere problemi

Scegliendo una sabbiatrice custom, hai il controllo completo sulle caratteristiche e le funzionalità della macchina. Questo ti permetterà di adattarla alle tue esigenze nel minimo dettaglio, consentendoti di ottimizzare il suo design per i tuoi spazi e le sue funzionalità per massimizzare l’efficienza del processo di sabbiatura. Puoi definire le specifiche tecniche, le dimensioni, le caratteristiche e i dettagli operativi che meglio si adattano alle tue necessità.

Le diverse personalizzazioni possono includere anche ad esempio parametri come flusso dell’abrasivo, pressione dell’aria, metodi di recupero degli inerti e altro ancora: studiando ogni dato è possibile farti avere esattamente le performance che vuoi, in modo che la macchina che avrai a disposizione sia in grado di farti operare con i migliori risultati possibili a partire dalle caratteristiche del tuo lavoro.

Se la sabbiatrice è customizzata sui tuoi flussi di lavoro, ridurrai al minimo la possibilità di avere problemi, perché la macchina sarà progettata per rispettare precisi requisiti e non correrai i rischi di usarla impropriamente, cosa che comporta spesso guasti, lavorazioni riuscite male e fermi macchina.

Ti permette di risparmiare in diversi modi

Una sabbiatrice custom può ridurre al minimo lo spreco di materiale e ottimizzare l’energia impiegata durante il processo di sabbiatura, cosa che si traduce in un concreto risparmio di tempo e risorse.

Inoltre la progettazione su misura, come abbiamo visto poco sopra, ti mette al riparo dai rischi di un uso scorretto e quindi evita esborsi eccessivi in manutenzione e ti protegge dal costo dell’improduttività e del mancato rispetto degli impegni presi con i clienti, che sono due conseguenze molto serie dei fermi macchina.

Può rendere più sostenibile il tuo lavoro

Se viene progettata con un’attenzione particolare all’efficienza energetica, al riciclo dell’abrasivo e alla diminuzione delle emissioni di polvere, una sabbiatrice può ridurre sensibilmente il suo impatto ambientale.

Scegliendo una macchina customizzata puoi portare alla massima sostenibilità il tuo processo di sabbiatura, e sai benissimo quanto questo requisito sia oggi importante per le tue aziende partner e per i consumatori finali.

Potersi qualificare come un’impresa attenta allo sviluppo sostenibile e al futuro del pianeta è non solo una decisione lungimirante, visto che le normative si faranno sempre più restrittive in questo senso, ma anche una scelta altamente strategica a livello imprenditoriale, perché incontrerai le esigenze di un pubblico più attento alla qualità e mediamente disposto a maggiori investimenti.

Ti apre nuove possibilità di business

Una sabbiatrice custom può integrare tecnologie all’avanguardia, come sistemi di controllo automatizzati, robotica e sensori avanzati, per migliorare la precisione, l’uniformità e l’efficacia dell’operazione di sabbiatura.

Dotarti di un macchinario in grado di assicurarti prestazioni migliori ti consente di rivolgerti anche a mercati che magari finora non avevi approcciato perché non potevi garantire un determinato livello di performance, aprendo magari delle nuove business unit di successo. Avere una sabbiatrice custom può essere un vero e proprio vantaggio competitivo, perché ti permette anche di offrire servizi personalizzati e soluzioni adattate alle esigenze dei tuoi clienti.

Hai ancora qualche dubbio sul fatto che una sabbiatrice standard non possa essere all’altezza di una soluzione custom? Noi di Protech possiamo rispondere a tutte le tue domande in merito.

Siamo da oltre quarant’anni esperti nella progettazione e produzione di sabbiatrici e impianti di sabbiatura in grado di esaudire tutte le esigenze dei nostri partner in tutto il mondo. Inoltre diamo la massima importanza alle garanzie che massimizzano l’efficienza delle nostre soluzioni: solo le sabbiatrici Protech ti offrono infatti Blasting PRO System, una selezione di servizi e vantaggi importantissimi inclusi nel prezzo del macchinario. E sugli impianti di sabbiatura siamo gli unici ad offrire due anni di garanzia!

Vuoi saperne di più? Compila il form qui sotto e verrai ricontattato da un nostro esperto.

La sabbiatura è un processo meccanico che richiede non solo esperienza e abilità per essere eseguito al meglio, ma anche delle conoscenze tecniche fondamentali. Non basta, infatti, dotarsi della strumentazione più costosa sul mercato per essere certi che questa lavorazione riesca alla perfezione: le soluzioni migliori per ogni applicazione non sono le stesse, ed è necessario tenere conto di diverse variabili per non avere effetti disastrosi sulle superfici da trattare.

In particolare, anche la più performante delle sabbiatrici non darà i risultati sperati se non si seleziona il giusto abrasivo per quella specifica applicazione.

Per scegliere il migliore materiale abrasivo è opportuno infatti fare delle valutazioni preventive su diversi aspetti della lavorazione che si vuole effettuare.

6 step per individuare il giusto abrasivo per la tua sabbiatura

1 Comprendi le esigenze del progetto

È fondamentale, prima di partire con la selezione dell’abrasivo, farsi delle domande sulla lavorazione che si sta per effettuare, come:

  • Qual è il tipo di superficie che devi trattare?
  • Ha delle esigenze particolari per non venire rovinata o compromessa?
  • Quali sono gli obiettivi della sabbiatura (rimuovere la ruggine o la vernice, restaurare, preparare per un’altra finitura estetica, etc.)?
  • In quale ambiente si svolgerà la sabbiatura, all’aperto o indoor?

2 Considera la granulometria

Questo termine identifica la dimensione delle particelle abrasive. Superfici più delicate potrebbero richiedere un abrasivo fine, mentre superfici più resistenti potrebbero richiedere un abrasivo più grosso.

3 Valuta la durezza dell’abrasivo

L’abrasivo deve essere abbastanza duro da rimuovere lo strato superficiale indesiderato della superficie che devi sabbiare, ma non così duro da danneggiare il substrato sottostante. A volte questo equilibrio è davvero labile, ma se sbagli durezza anche di poco rischi di compromettere completamente il risultato della sabbiatura.

4 Controlla il profilo di sabbiatura

Con questa espressione si indica la rugosità superficiale generata dalla lavorazione, indipendentemente dal grado di sabbiatura finale che si vuole ottenere. Alcuni materiali o trattamenti richiedono un profilo di sabbiatura specifico per garantire l’adesione del nuovo rivestimento: informati sempre su questo punto, o potresti avere brutte sorprese.

5 Considera l’impatto economico

Ogni abrasivo, oltre ad avere differenti proprietà, ha anche un differente costo.

Inutile sottolineare quanto sia importante avere dei cicloni o selezionatori performanti per garantire il riutilizzo degli abrasivi stessi.

Un investimento accurato sui sistemi di recupero e pulizia dell’abrasivo consente di risparmiare nel lungo temine sia sull’acquisto dell’abrasivo che su tutti i componenti che vengono a contatto con lo stesso, infatti una quantità di polvere eccessiva e non opportunatamente trattata comporterebbe la maggior usura dei materiali oltre che una sabbiatura non costante e uniforme.

6 Valuta le alternative sostenibili

Non esiste solo la sabbia tradizionale, ma ci sono anche alternative come abrasivi a base di bicarbonato di sodio o di vetro, gusci di noce, graniglia d’acciaio, ecc. Questi materiali possono offrire risultati sorprendenti anche a fronte di una significativa riduzione dell’impatto ambientale della sabbiatura. La ricerca sul tema della sostenibilità è in continua evoluzione, quindi potrebbero esistere nuove soluzioni che ancora non conosci!

Altri fattori strategici da considerare per la scelta dell’abrasivo

Dopo aver tenuto in considerazione le sei variabili che abbiamo appena visto, per selezionare l’abrasivo migliore per le proprie esigenze di sabbiatura ci sono ancora degli altri fattori da esaminare:

  • La sicurezza: l’abrasivo scelto deve essere sempre conforme alle normative in vigore. Alcuni abrasivi possono contenere sostanze pericolose, quindi nel caso in cui sia necessario utilizzarli è fondamentale prendere le opportune precauzioni per la protezione degli operatori coinvolti nella lavorazione.
  • Il prezzo: non devi fare i tuoi calcoli basandoti semplicemente sul costo della sabbia che hai selezionato, ma devi considerare anche i costi di smaltimento dell’abrasivo, quelli di manutenzione delle attrezzature, quelli relativi al tempo impiegato dal personale per la lavorazione e per le successive pulizie. È opportuno investire su un abrasivo in grado di essere recuperato e riutilizzato: per esempio la sabbia di corindone è più costosa ma molto performante, può essere utilizzata più volte e genera una bassa quantità di polvere.

Come abbiamo visto, la scelta del migliore abrasivo per le tue esigenze potrebbe non essere semplice. Richiede una valutazione attenta e completa della lavorazione che devi effettuare anche dopo la stessa sabbiatura e presuppone una conoscenza approfondita dei materiali, dei processi e delle attrezzature che devi utilizzare. Inoltre devi tenere in considerazione il fatto che ci sono continuamente delle novità anche in questo settore, quindi potresti non sapere che esiste un abrasivo ancora più performante di quello che sei solito utilizzare!

La soluzione migliore per essere certo di sabbiare con le attrezzature più performanti è rivolgersi a degli esperti professionisti della sabbiatura, come noi di Protech.

Oltre a realizzare macchine sabbiatrici completamente made in Italy nel nostro stabilimento di Milano, offriamo ai nostri partner un’assistenza approfondita e puntuale che va dalla progettazione custom del macchinario di cui hanno bisogno alla fornitura di ricambi e componenti. E ovviamente siamo anche esperti di abrasivi, per questo siamo sicuri di poterti consigliare la scelta perfetta per le tue necessità.

Inoltre, solo le sabbiatrici Protech ti offrono Blasting PRO System, una selezione di servizi e vantaggi importantissimi inclusi nel prezzo del macchinario. E sugli impianti di sabbiatura siamo gli unici ad offrire due anni di garanzia!

Vuoi saperne di più? Compila il form qui sotto e verrai ricontattato da un nostro esperto.

Il processo di sabbiatura richiede una strumentazione adeguata per essere effettuato in modo soddisfacente. Questo significa innanzitutto conoscere bene le caratteristiche del materiale che si deve trattare e avere ben chiaro il risultato che si vuole ottenere e quale sia l’abrasivo migliore per ottenerlo. Ma significa soprattutto utilizzare la giusta sabbiatrice.

Esistono infatti differenti tipologie di sabbiatrice, ognuna con delle peculiarità che la rendono più adatta a uno specifico utilizzo. Diamo un’occhiata ai principali tipi che si trovano sul mercato.

Tante sabbiatrici diverse

Partiamo da una definizione: le sabbiatrici sono strumenti utilizzati per pulire, levigare o preparare le superfici mediante l’uso di inerti o altri materiali abrasivi ad alta velocità.

Grazie all’azione dell’abrasivo è possibile rimuovere sporco, ruggine, vernice o altre impurità dalla superficie di vari manufatti e di diversi materiali, come metallo, legno, marmo o cemento. Ed è anche possibile creare una rugosità ad hoc e preparare le superfici a lavorazioni successive, come ad esempio la verniciatura.

Proprio per rispondere ad esigenze anche molto diverse tra loro, esistono diverse tipologie di sabbiatrici.

Sabbiatrice a pressione

Utilizza l’aria compressa per accelerare l’abrasivo e spingerlo attraverso un ugello a alta velocità. L’abrasivo viene proiettato con forza sulla superficie da trattare. Questo tipo di sabbiatrice è ideale per la rimozione di vernice, ruggine o sporco ostinato da grandi superfici metalliche, come carrozzerie di auto o strutture in acciaio, e per lavori di edilizia, restauro e cantieristica in genere. Esistono modelli più o meno performanti, a seconda dell’applicazione.

Sabbiatrice a umido, o aeroidrosabbiatrice

Insieme all’abrasivo questo tipo di sabbiatrice utilizza anche acqua. In questo modo, oltre a rimuovere le impurità dalle superfici, riduce la polvere prodotta dalla lavorazione. Quindi una sabbiatrice a umido è particolarmente indicata per l’uso in situazioni in cui la polvere potrebbe essere pericolosa o indesiderata, come quando si lavora con piombo o amianto.

Sabbiatrice a recupero

È progettata per recuperare e riciclare l’abrasivo utilizzato. Questo tipo di sabbiatrice è vantaggioso in termini di efficienza e costo, poiché consente di riutilizzare il materiale abrasivo, riducendo gli sprechi e i costi di acquisto dell’abrasivo nuovo. Può essere utilizzata con qualsiasi tipo di abrasivo, anche graniglia metallica, proprio perché non ci sono dispersioni di polveri nell’ambiente, e consente di verificare l’andamento dei lavori senza interruzioni, oltre a far risparmiare il tempo necessario a pulire l’area della lavorazione.

Sabbiatrice modulare

È dotata di differenti sistemi di comando che permettono all’operatore di gestire direttamente anche a distanza, durante l’attività di sabbiatura, le valvole montate sul serbatoio. Alcuni kit consentono di mantenere in pressione il serbatoio della sabbiatrice indipendentemente dall’arresto del ciclo di lavoro. Le sabbiatrici modulari possono avere differenti funzioni, che consentono ad esempio di eliminare eventuali intasamenti del tubo abrasivo oppure di eseguire il soffiaggio della superficie trattata o da trattare.

Sabbiatrice a ciclo continuo

Se si ha la necessità di non interrompere il processo di sabbiatura, la scelta ideale è una sabbiatrice a ciclo continuo: grazie alla doppia camera, consente di lavorare da una a quattro uscite indipendenti, senza necessità di fermarsi per il ricarico dell’abrasivo.
Queste macchine sono composte da due serbatoi uniti e sovrapposti. Quello inferiore è sempre in pressione, mentre quello superiore entra in pressione dopo aver ricevuto l’abrasivo dal silo sovrastante, tramite delle valvole servocomandate da elettrovalvole.

Sabbiatrice per il restauro

Quando è necessario sabbiare superfici di particolare valore o importanza, è possibile optare per delle macchine equipaggiate con accessori che favoriscono l’utilizzo di inerti finissimi. Alcuni modelli sono dotati di chiusura manuale del serbatoio per poter lavorare anche a pressioni di 0.1 bar o dispongono di kit per aeroidrosabbiatura.

Scegliere la sabbiatrice giusta

Dotarsi della macchina giusta è fondamentale per ottenere i risultati desiderati. Ma, sebbene l’offerta sul mercato sia decisamente ampia e variegata, potrebbe comunque non rispondere a tutte le esigenze della propria azienda.

Il modo migliore per assicurarsi di avere tutte le funzionalità necessarie per il proprio lavoro è rivolgersi direttamente a un’azienda che progetta e realizza sabbiatrici.

Protech realizza macchine sabbiatrici completamente made in Italy nel suo stabilimento di Milano. Inoltre fornisce un’accurata e puntuale assistenza alla clientela attraverso più di 150 punti vendita dislocati in tutta Italia, Europa, Centro Sud America, Nord Africa e Medio Oriente.

Noi di Protech non ci limitiamo a fornire ai partner una vasta gamma di macchine ed attrezzature, ma analizziamo ogni singolo problema per risolverlo al meglio assicurando:

–           migliori risultati;

–           minimi costi di mantenimento;

–           performance eccellenti;

–           assistenza e consigli.

Inoltre, solo le sabbiatrici Protech ti offrono Blasting PRO System, una selezione di servizi e vantaggi importantissimi inclusi nel prezzo del macchinario. E sugli impianti di sabbiatura siamo gli unici ad offrire due anni di garanzia!

Vuoi saperne di più? Compila il form qui sotto e verrai ricontattato da un nostro esperto.

Quando è necessario pulire o creare una rugosità per preparare dei manufatti di diverso tipo a una lavorazione successiva, il metodo migliore per ottenere questo risultato è attraverso la sabbiatura.

Si tratta di un processo meccanico che, oltre a un’approfondita conoscenza dei materiali da trattare, richiede anche attrezzature specifiche, vale a dire le sabbiatrici.

Quali sono le principali informazioni per comprendere il processo di sabbiatura? Ecco di seguito alcune delle domande più frequenti su questo argomento.

Come funziona la sabbiatrice?

Il principio base è semplice: un compressore alimenta un serbatoio in pressione, ovvero la sabbiatrice, che sarà riempita con un determinato tipo di abrasivo a seconda della finitura desiderata. Successivamente avviene la miscelazione che permette all’abrasivo di lavorare la superficie da trattare. In questo modo, l’azione dell’abrasivo combinata con la potenza del getto d’aria rimuove completamente lo strato più esterno della superficie.

In quali settori produttivi viene utilizzata la sabbiatura?

È un processo molto versatile, che può essere applicato a superfici di diversi metalli in primis ma anche di altri materiali, come legno, marmo o cemento. Di conseguenza anche le sue applicazioni sono moltissime, e vanno dalle lavorazioni artistiche, ai restauri, alla rimozione di ruggine o residui di vernice e di grasso, alla preparazione delle superfici per una successiva verniciatura o saldatura.

La sabbiatura è ampiamente utilizzata nell’industria metalmeccanica, ma anche in quella navale, nelle costruzioni e nella produzione di oggetti di design.

Quali sono i vantaggi della sabbiatura rispetto alla levigatura?

Il vantaggio più importante è quello di riuscire a raggiungere ogni punto delle superfici da trattare creando omogeneità ed eventuale rugosità. Nel caso, ad esempio, di manufatti complessi o di ingranaggi è impossibile avere con altri sistemi gli stessi risultati che assicura la sabbiatura.

Inoltre la sabbiatura permette di rimuovere progressivamente lo strato esterno della superficie, monitorando continuamente il risultato per arrivare a quello che si vuole ottenere.

Che tipo di prodotto viene utilizzato per la sabbiatura?

Le tipologie di abrasivi o inerti disponibili sul mercato sono moltissime, ma ognuna è indicata per una lavorazione particolare. Una prima distinzione può essere fatta tra i prodotti spigolosi o i prodotti sferici come le sfere di vetro o metalliche, (in questo caso, il processo viene detto pallinatura).

Come scegliere il giusto abrasivo?

Dipende dal materiale da trattare e dal risultato che si vuole ottenere. I granelli infatti possono avere una forma più spigolosa o più tondeggiante, oltre che essere di materiali diversi.

Ad esempio, una graniglia spigolosa è indicata per rimuovere la ruggine da un rivestimento che richiede un’importante rugosità, mentre un abrasivo minerale è di solito la soluzione più utilizzata nei cantieri edili perché ha un costo minore e perché non è generalmente necessario sabbiare in profondità. Gli abrasivi metallici, che hanno un costo maggiore, solitamente si utilizzano solo negli impianti in cui è possibile recuperare l’abrasivo (quindi non in edilizia o all’aperto).

La sabbiatura è un processo pericoloso?

No, se eseguito con attrezzature a norma e con gli opportuni dispositivi di protezione. Durante le operazioni di sabbiatura infatti vengono sollevate grandi quantità di polveri che vengono in più “sparate” con una forte pressione, quindi è assolutamente necessario indossare delle protezioni per le vie respiratorie, gli occhi e tutto il corpo. Questo soprattutto nel caso in cui la superficie da sabbiare sia contaminata da sostanze nocive.

Il modo migliore per sabbiare in tutta sicurezza è affidarsi anche per l’acquisto dei DPI a un partner in grado di garantirne conformità e qualità.

Cosa rischia un’azienda che utilizza una sabbiatrice non personalizzata?

Innanzitutto, il risultato che si ottiene con una soluzione standard non è all’altezza di quello che è possibile ottenere con un impianto custom. Inoltre difficilmente le soluzioni standard sono in grado di ottimizzare costi e consumi, con il rischio di sprecare tempo, energia e abrasivo. Utilizzare una sabbiatrice in modo improprio o con un abrasivo inadatto può aumentare il rischio di un fermo macchina, che si traduce in uno stop all’operatività dell’azienda e in una catena di ritardi sulle lavorazioni.

Non rischiare di lavorare male e di perdere clienti: scegli una sabbiatrice in grado di offrirti la personalizzazione, l’efficienza e le garanzie che mettono il tuo lavoro al sicuro! Solo le sabbiatrici Protech ti offrono Blasting PRO System, una selezione di servizi e vantaggi importantissimi inclusi nel prezzo del macchinario. E sugli impianti di sabbiatura siamo gli unici ad offrire due anni di garanzia!

Post correlati

Categorie